Comprare casa all’estero: mercato in crescita

Gli italiani sono sempre più interessati ad acquistare otre confine. Sono diversi i motivi per cui si sceglie di comprare casa all’estero: c’è chi lo fa per investimento, chi invece punta alla seconda casa, ad esempio per le vacanze, e chi è in pensione e scegliere di cambiare vita. Negli ultimi anni questo mercato è in costante crescita.

Scenari Immobiliari ci spiega l’andamento generale del 2015 e dell’inizio del 2016.

Dai dati rilevati nel secondo semestre del 2015, l’acquisto degli immobili all’estero da parte degli italiani risulta in aumento, addirittura leggermente superiore rispetto a quello che ci si aspettava. Le famiglie italiane, durante lo scorso anno, hanno investito in questo mercato ben 7,1 miliardi di euro, con una spesa media di 130.000 euro a compravendita. Ciò è dato dalla ripresa generale del mercato immobiliare, dalle banche più disponibili e dai tassi d’interesse ai minimi storici, oltre che alla crescente fiducia degli investitori. I primi mesi del 2016 confermano la corrente dell’anno precedente, con una crescita degli investimenti praticamente ovunque.

Le famiglie italiane preferiscono acquistare la seconda casa oltreconfine, innanzitutto perché il nostro Paese dà meno certezze da un punto di vista fiscale e legislativo, e inoltre molte nazioni propongono una scelta vasta e diversificata con quotazioni decisamente concorrenziali.

I lombardi sono in testa alla classifica per concentrazione di acquirenti, contano infatti un quinto degli investimenti totali. Acquisiscono importanza anche le famiglie venete, laziali e campane. Stabile il Piemonte, in lieve calo gli acquirenti emiliani, toscani e marchigiani. Tra le altre regioni, si conferma la crescente attività delle famiglie liguri, trentine e friulane.